Insta Rich - Cosa dice Instagram sulla nostra coscienza socio-economica ... e perché questo fa schifo per il nostro futuro

I social media sono pieni di dichiarazioni economiche.

È vero. Alla gente piace davvero mostrare la propria visione unica della bella vita.

E perchè no. È divertente.

Una semplice pergamena mi consente di accedere in prima fila a un weekend di avventure:

  • Un ex collega che fa snorkeling con la sua ragazza australiana vestita di bikini alle Maldive;
  • Il mio amico e cliente amante della macchina: braccia incrociate, Yeezy bianco pulito, gangster appoggiato a una McLaren blu metallizzata;
  • un amico unboxing l'ultimo drone Phantom di qualità commerciale che vale più del mio SUV.

Riconosciuto o no, queste sono dichiarazioni su quanto facciamo, spendiamo e abbiamo.

Posso dire - aneddoticamente ed empiricamente - che l'economia è buona. E mentre mi chiedo quanto durerà questa corsa (dai un'occhiata al mio ultimo post: recessione sull'orlo del baratro) ... sappiamo tutti che non può durare per sempre.

Ma ciò di cui sono più preoccupato è che il nostro focus sociale è incline a "sostenere" lo stato economico ... costruendo una realtà economica e uno stato segnato da cose che sperimentiamo: toccare, assaggiare e comprare ...

Quello che non vedo, è concentrarsi su come guadagniamo denaro, il nostro tasso di rendimento sul nostro patrimonio netto, come risparmiamo o creiamo una crescita esente da imposte ... tutto ciò che dovremmo sapere e in tempi di recessione, dobbiamo sapere.

Instagram ci dà una sbirciatina nella nostra attuale coscienza socio-finanziaria. Uno che è stato caratterizzato da un rifiuto della pianificazione a lungo termine.

La finanza personale - in gran parte - è stata centrata sulla domanda:

"Come posso risparmiare abbastanza per quando mi ritiro e non lavoro più?"

Rispondere a questa domanda ci ha fornito il volume di consulenza finanziaria personale che ci dice di essere parsimoniosi e di risparmiare per la pensione - consulenza dei nostri genitori e nonni. In breve, questa scuola di pensiero ci consiglia di negarci i piaceri di oggi per i premi di domani. È una posizione che come generazione abbiamo rifiutato categoricamente.

Questo è ciò che l'autore più venduto del New York Times Tim Ferris definisce il "piano di vita differito" in The 4-Hour Workweek.

Giustamente, la critica di Ferris è incentrata sul sacrificio che ci è stato detto di accettare per la vita che potremmo non avere domani, tra 30 e 40 anni da adesso.

La domanda che rimane al lettore è ...

"Perché trascurare le esperienze di oggi risparmiando per una pensione che potrebbe non arrivare mai?"

Esplorare questa domanda è fondamentale.

Troppo differimento della vita produce una vita inesplorata e non realizzata?

Sì.

Ma, mentre continuo a scorrere mentre prendo contemporaneamente coscienza socio-economica, mi chiedo se io stesso abbia risposto alla domanda troppo semplicemente e rapidamente ...

Forse c'era una seconda domanda naturale sul denaro e sulla ricchezza che avrei dovuto porre e rispondere dopo aver respinto il temuto piano di vita differito?

Il controfattuale del piano di vita differito sta sacrificando ogni godimento oggi per benefici domani. Non sono d'accordo con questa idea, ma è probabile che valga la pena prenderla in considerazione.

Quindi ho annotato 3 domande che vorrei che il mio bambino facesse mentre toccava due volte ogni Rolex o Lambo che incontra nel suo feed.

1. Quali sono alcune ATTIVITÀ o STRATEGIE disponibili ora per creare ricchezza? Qual è il reddito atteso che posso conservare da 1 anno dopo averlo fatto con successo? 5 anni? Quale possibilità di fallimento arriva con ciascuna di queste attività o strategie?

2. Esistono ABILITÀ o CONCETTI che posso acquisire per migliorare la mia probabilità di successo in qualsiasi investimento? Ci sono ABILITÀ che posso sviluppare oggi che possono generare reddito in qualsiasi mercato? Esistono ABILITÀ di valore più elevato che riducono il mio rischio o aumentano la mia ricompensa?

3. Ci sono sacrifici 1X che posso fare oggi in grado di produrre risultati 10X in COMPETENZE o STRATEGIE che influenzeranno la mia posizione socio-economica tra 1 anno? 2 anni da adesso? Cosa sarei disposto a fare diversamente per allargare o tornare più velocemente quel ritorno?

Le risposte a tutto quanto sopra sono meno importanti che porre le domande, il che dovrebbe riflettere sul futuro.

Queste domande hanno lo scopo di associare l'impatto che la coscienza economica - la consapevolezza delle abilità e delle strategie che creano ricchezza - ha sul reddito reale (ora) e sul potenziale di reddito (in seguito).

Le risposte ci spingono a capire meglio come le nostre capacità e azioni oggi creano risultati finanziari lungo la strada. Questa è la vera ragione per cui veniamo educati ora (qualcosa perso nei bambini che memorizzano le tabelle dei tempi e i grafici dei periodi) - in modo da avere più abilità in seguito per produrre in modo creativo.

Questa relazione tra lavoro e produzione non si perde nei grandi pensatori economici storici, in particolare coperti da Adam Smith e Karl Marx. Karl Marx credeva che il capitalismo separasse il lavoratore dalla sua produzione, il che alla fine avrebbe rimosso la sua capacità di comprendere il suo valore e uno dei motivi per cui predisse l'inevitabile ascesa del proletariato contro i loro usurpatori capitalisti. Mentre la storia ha dimostrato al capitalismo di rafforzare il proletariato, c'è qualche verità in questa critica.

La nostra economia è così grande, le nostre scadenze sono così lunghe e il nostro mondo è così trasparente - che in gran parte il rapporto tra le nostre competenze oggi e la produzione di domani è stato trascurato e staccato.

Tuttavia, è così cruciale comprendere il continuum finanziario che fluisce e fluisce con competenze e tecnologie crescenti e un compromesso che questo continuum implica: uno tra gli investimenti in SKILL o STRATEGIE oggi senza ricompensa per i benefici percepiti in seguito.

Voglio essere chiaro che non ho opinioni su cosa dovrebbe o non dovrebbe essere condiviso sui social media. I social media sono semplicemente un amplificatore delle nostre versioni autoselezionate migliori o più forti di noi stessi (e non il luogo scelto per le vulnerabilità).

Tuttavia, temo che la nostra attuale coscienza finanziaria, che i social media amplificano, perpetua il fatto che TUTTO sia sulla dimostrazione del progresso socio-economico piuttosto che sul raggiungimento.

Concordo con la corrente sotterranea della verità nel rifiutare il piano di vita differito: che seguire una visione obsoleta di stare al passo con i Jones, mettere la carriera prima della felicità e salvare nella speranza di ritirarsi un giorno non è la formula per realizzare il miglior sé.

Non possiamo seguire le orme dei nostri genitori.

Quelle orme portano alla negazione di sé, espressione ed esperienza nelle speranze di appagamento negli anni successivi che non arrivarono mai. Molti in quella generazione, quella dei grandi boomers, seguirono il consiglio dei loro genitori solo di perdere i loro risparmi in una crisi finanziaria o di rendersi conto di aver lavorato una vita senza godersi i frutti della vita.

Abbiamo realizzato una grande espressione di sé rifiutando le regole precedenti che non ci servono. Ma dobbiamo ancora riempire questo vuoto con lo stesso pensiero pragmatico che sfidava inutili dettami su come dovremmo vivere socialmente.

Oggi abbiamo colmato il vuoto di come pensare alla socio-economia con show-me-economics.

C'è un valore incredibile nel definire le nostre opinioni sulla creazione di valore, le finanze e i risparmi. Questi risultati miglioreranno le nostre opinioni su affari, governo e welfare.

Eppure spendiamo la nostra attenzione economica altrove - su come vorremmo spenderlo, su come lo spendiamo e su come lo spendono gli altri.

In definitiva, solo nuove idee ci porteranno avanti e daranno forma al rapporto di cui abbiamo così bisogno tra lavoro e produzione. Karl Marx è morto da tempo.

Una nuova scuola di economia deve prima essere pragmatica e pertinente. Oggi il mondo è piatto, ricco di esperienze a cui possiamo facilmente accedere in un modo in cui i nostri nonni potevano solo sognare.

Eppure - deve portare un equilibrio a un problema secolare che cerca di bilanciare il godimento dei frutti di oggi con la preparazione per il raccolto di domani.

Ciò che i nostri figli hanno ora è invece una serie infinita di dichiarazioni economiche prive di significato.

Dubito di me? Non cercare oltre il tuo telefono.